venerdì 12 dicembre 2014

“Decamerone, vizi, virtù, passioni” in scena a Thiene (VI)

Marco Baliani e Stefano Accorsi
Nuovo importante appuntamento, martedì 16, mercoledì 17 e giovedì 18 dicembre 2014 alle ore 20.45, per la trentacinquesima stagione di prosa del Teatro Comunale di Thiene (VI). Il sipario di alzerà sullo spettacolo “Decamerone, vizi, virtù, passioni”. Lo spettacolo, liberamente tratto dal Decamerone di Giovanni Boccaccio, vedrà in scena Stefano Accorsi, mentre l’adattamento teatrale e la regia sono di Marco Baliani. Altri interpreti dello spettacolo sono Salvatore Arena, Silvia Briozzo, Fonte Fantasia, Mariano Nieddu, Naike Anna Silipo. La produzione è di Nuovo Teatro, in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola.
Curioso e particolare l’allestimento. Sulla scena è parcheggiato una sorta di carro-furgone, che fa da casa e teatro viaggiante per la compagnia che si appresta a mettere in scena l’opera. L’espediente narrativo del Decamerone è assai noto: nella Firenze medievale la peste semina la morte. Così un gruppo di giovani decide di rifugiarsi in una casa in collina per evitare il contagio. Occorre però far passare il tempo e la comitiva inizia a raccontarsi storie divertenti, originali, un po’ peccaminose. Dieci al giorno, appunto. Lo spettacolo che viene proposto a Thiene segue un po’ lo schema, ed anche la modularità del carro sul palcoscenico favorisce l’esposizione delle novelle del Decamerone, poiché permette, di volta in volta, la creazione degli spazi e delle suggestioni necessarie alle storie che si vanno a narrare.
Le storie del Decamerone tenevano lontana la peste, quelle di oggi… pure. La malattia è però diversa, con quella di oggi che uccide soprattutto l’anima. “Le storie – si legge in una nota di regia – servono a rendere il mondo meno terribile, a immaginare altre vite, diverse da quella che si sta faticosamente vivendo. Le storie servono ad allontanare, per un poco di tempo, l’alito della morte. Abbiamo scelto di raccontare alcune novelle del Decamerone di Boccaccio perché oggi ad essere appestato è il nostro vivere civile. Percepiamo i miasmi mortiferi, le corruzioni, gli inquinamenti, le mafie, l’impudicizia e l’impudenza dei potenti, la menzogna, lo sfruttamento dei più deboli, il malaffare.
“In questa progressiva perdita di un civile sentire, – prosegue il regista, Marco Baliani, – ci è sembrato importante far risuonare la voce del Boccaccio attraverso le nostre voci di teatranti. Per ricordare che possediamo tesori linguistici pari ai nostri tesori paesaggistici e naturali, un’altra Italia, che non compare nei bollettini della disfatta giornaliera con la quale la peste ci avvilisce.

giovedì 11 dicembre 2014

"Nolite timere L'insegnamento di Papa Celestino V" esce in DVD

“Lasciate i fardelli di dolore e vivete la vita che vi è stata donata. Ricordate: nolite timere.”
Non temete, non abbiate paura.
E’ il messaggio di Fra’ Pietro del Morrone lasciato in eredità ai pellegrini di ogni tempo, viandanti dell’anima in cerca di quella guarigione fisica e spirituale che solo un percorso consapevole attraverso il proprio cuore e la propria mente può consentire di raggiungere e vivere pienamente, superando le prove e le travagliate esperienze attraverso cui la vita ci offre opportunità di evoluzione individuale e collettiva.
E’ il messaggio che il giovane regista Giuseppe Tandoi prende in consegna e rielabora con sensibile originalità in una docu fiction, realizzata per offrire testimonianza della vita del frate “uomo” non ancora salito al soglio papale, dei miracoli troppo spesso sottaciuti dalla Storia ufficiale a volte manipolata dalle varie fazioni, documentati e validati durante il Processo di Canonizzazione tenutosi a Perugia nel 1306, dal quale Pietro è stato proclamato Santo.
Già presentata quest’anno sul grande schermo nel mese di Maggio, accolta da un ampio pubblico durante le proiezioni a L’Aquila in occasione della Perdonanza Celestiniana e in diverse città italiane, è disponibile ora in dvd “NOLITE TIMERE, l’insegnamento di Papa Celestino V”, la docu fiction interpretata dal magistrale Lino Capolicchio, con la partecipazione di altri bravissimi attori, in maggior parte abruzzesi, tra cui Franco Narducci, Claudio Marchione, Manuele Morgese, Antonia Renzella, Aldo Spahiu, Emanuele Federici, Daniele Micheli e Marilia Papaleo.
L’opera - scritta da Eulalia Caterina Rosati e Giuseppe Tandoi, per la regia di Giuseppe Tandoi, accompagnata dalla colonna sonora curata dal gruppo vocale e strumentale Concentus Serafino Aquilano ,diretto dal M° Manlio Fabrizi - è stata realizzata con il contributo della Regione Abruzzo e del Ministero per i Beni Culturali e ha già ricevuto il prestigioso premio come “Miglior Film Educativo“ nell’ambito del Festival Internazionale del Film Cattolico “Mirabile Dictu”, durante l’edizione 2014 svoltasi a Roma con l’Alto Patrocinio del Pontificio Consiglio per la Cultura.
Bussa ora dunque alla porta delle nostre case e del nostro cuore, una visione da condividere in famiglia e da meditare con gioiosa riscoperta e ammirazione nei riguardi di un uomo poco conosciuto dagli stessi abitanti di L’Aquila, la città sulle cui ali Pietro affidò un messaggio di risveglio e riscatto spirituale da donare ad un’Umanità sempre più ferita e bisognosa di voli d’Amore, Speranza, Bellezza.
E proprio su questa scia si è manifestata la sintonia d'intenti tra l’Esprit Film, società del regista Tandoi, e una nota azienda locale di riconosciuto prestigio internazionale, DOLCI AVEJA, da quasi 40 anni costante presenza nella vita delle famiglie aquilane e non solo, durante quelle occasioni di condivisione e gioia che ci consentono di apprezzare appieno sentimenti di unità e di crescita comune esaltati dalle nostre tipicità.
“Siamo lieti di sostenere un progetto di così elevato valore spirituale e di eccellente qualità tecnica, film dichiarato di interesse culturale dallo stesso Ministero e con il patrocinio di un tale significativo numero di realtà istituzionali e culturali”. Commentano così l’uscita del DVD Mariano Calvisi e Maria Teresa Spagnoli, titolari di “Dolci Aveja”, che ne hanno sponsorizzato la produzione con sincero e convinto entusiasmo.

Per contatti e spedizioni: info@espritfilm.it.
Preghiera al Signore - un brano della colonna sonora, presente tra i contenuti speciali all'interno del DVD.

martedì 9 dicembre 2014

Inferno! a Dresano (MI)

Venerdì 12 dicembre 2014 alle ore  21,00 presso l'Auditorium S. Pertini di Dresano (MI) l'Associazione Culturale il Bel Pensiero, TeatrodiPietra Onlus  e Associazione Danze Antiche presentano Inferno !.Uno spettacolo di letture dantesche interpretate da Adriana Milani e Roberto Galluccio, accompagnate da proiezione di immagini a cura di Daniele Tanzi e alternate da musiche e danze medioevali messe in scena dall’Associazione Danze Antiche.
Ingresso libero.

giovedì 4 dicembre 2014

"Giotto - la storia della salvezza", proiezione a Padova

Si annuncia un nuovo grande successo per la proiezione del film su Giotto in programma lunedì 8 dicembre 2014 al Centro Culturale Altinate/S. Gaetano (Via Altinate, 71 a Padova), tanto che gli organizzatori della Promovies hanno deciso di aggiungere una terza proiezione: oltre a quelle già annunciate delle ore 17 e delle ore 21 si sono ora triplicati gli spettacoli con altra proiezione pomeridiana fissata alle ore 18,30.
Dopo lo strepitoso "tutto esaurito" fatto registrare ad ottobre quando alla anteprima del film si sono presentate oltre un migliaio di persone c'è infatti grande attesa per il nuovo appuntamento di incontri con gli autori e proiezioni dedicata al grande pittore Giotto ed alla Cappella degli Scrovegni di Padova, definito dagli storici dell'arte lo scrigno d'arte e bellezza più prezioso del mondo.
Alla manifestazione-evento organizzata dalla Promovies-Scuola Permanente di Cinematografia di Padova in collaborazione con il Comune di Padova, l'Aipp, la Fondazione Antoveneta e il Consolato Generale della Repubblica di Polonia, l'ingresso è con un biglietto a posto unico di 5 euro acquistabile in prevendita a Padova presso: Coin TicketStore in via Altinate, Gabbia Dischi in via Dante, Edicola Ruggero in via Armistizio n. 289 (alla Mandria) e Cartoleria C'era una volta in via Asolo n. 9 (zona Paltana). Info: www.promovies.it. Per prenotazioni: info@promovies.it.
Saranno presenti in sala: Flavio Rodeghiero, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Padova, Eugene Starky, autore della regia, Giuliano Pisani, curatore dei testi e voce narrante, Gianni Vitale, Presidente della Promovies, Ewa Piacentile, Presidente dell'Associazione Italo-Polacca, Claudia Caffagni, del Gruppo La Reverdie autore delle musiche. Il nuovo film-documentario del regista americano di origine polacca Eugene Starky dal titolo "Giotto - la storia della salvezza" sta riscuotendo molti e significativi apprezzamenti sia dai cultori della storia dell'arte che dagli appassionati di cinema per l'equilibrio con cui è stato realizzato il lavoro a cui ha dato un apporto determinante Giuliano Pisani, autore di una "sceneggiatura" che - utilizzando un linguaggio semplice ed emozionante - racconta la storia della salvezza descrivendo il significato di ogni singola scena, mettendo in luce il complesso percorso filosofico e teologico che si cela sotto il fascino delle immagini e della sinfonia meravigliosa dei colori. Gli affreschi di Giotto infatti diventano la via per cogliere il senso profondo del sacro e il film una via della bellezza lungo la quale guidano lo spettatore una regia sensibile e commossa, la parola che racconta in modo illuminante e precisa e il raffinato commento musicale de laReverdie, un gruppo vocale strumentale italiano che esegue musiche polifoniche medioevali e rinascimentali composto da Elisabetta de Mircovich (canto, viella), Claudia Caffagni (canto, liuto, salterio), Livia Caffagni (canto, flauti, viella), Doron David Sherwin (canto, cornetto), specializzatosi nel repertorio medievale, tra i più noti in campo internazionale con una intensa attività concertistica nei festival più prestigiosi d'Europa, tanto da aver già inciso diciotto dischi.


sabato 29 novembre 2014

"Caterina da Siena" in scena a Bergamo

Lunedì 1 dicembre 2014 alle 21 al Centro congressi Giovanni XXIII di Bergamo va in scena "Caterina da Siena". Serena Sinigaglia e Arianna Scommegna daranno voce ad una grande donna del Medioevo grazie ai testi di Michela Murgia e Elena Maffioletti. Caterina da Siena, monaca e mistica medievale, ha intrattenuto rapporti come mezza Europa attraverso lo strumento delle sue vibranti lettere, nelle quali parla delle cose della fede senza disgiungerle dai problemi politici e dalle questioni ecclesiali del suo tempo. Tra le lettere di Caterina quelle indirizzare ai Papi sono le più appassionate e istruttive. Serena Sinigaglia e Arianna Scommegna portano in scena una sceneggiatura che restituisce voce al coraggio intellettuale e profetico di una grande donna del medioevo.
INFORMAZIONI
Fondazione Adriano Bernareggi
Via Pignolo, 76 – 24121 Bergamo
tel. +39. 035 248772
info@fondazionebernareggi.it.
www.fondazionebernareggi.it.

venerdì 28 novembre 2014

"Romeo e Giulietta" dal Medioevo a Canale 5

Dopo i numerosi adattamenti, televisivi, cinematografici e teatrali, ecco che la storia di Romeo e Giulietta rivive in una nuova fiction Mediaset intitolata, appunto, “Romeo e Giulietta“, due puntate in onda mercoledì 3 e venerdì 5 dicembre 2014  alle 21,10 su Canale 5.
Ad interpretare i due protagonisti, che hanno fatto sognare generazioni di cuori romantici, sono Alessandra Mastronardi e Martino Rivas.
La storia è un adattamento della celebre tragedia di William Shakespeare, tra le più famose e rappresentate, nonchè una delle storie d’amore più popolari al mondo.
In questa versione proposta da Mediaset, però, ci saranno delle novità. Anzitutto sia Romeo che Giulietta hanno, rispettivamente, un fratello e una sorella. Una scelta che, a quanto pare, serve a spiegare meglio le dinamiche familiari dei due giovani.
La storia, inoltre, non è ambientata nel Rinascimento, bensì nel Medioevo. A fare da sfondo, inoltre, non saranno i paesaggi di Verona, bensì quelli di Trento.
Dice il produttore Luca Bernabei: “Giulietta e Romeo è la madre di tutte le storie d’amore. Abbiamo voluto togliere questa storia da un’ambientazione rinascimentale, e l’abbiamo prepotentemente calata in un’atmosfera medievale…”.
E prosegue il regista Riccardo Donna: "Avevo voglia di creare un’epoca più dura, un’epoca più violenta, più fredda, in modo che il loro amore sembrasse ancora più forte e disperato. Si arrivano a capire le ragioni di questo odio, peraltro mai spiegato…”.

mercoledì 26 novembre 2014

"I Vichinghi" nelle sale dal 27 novembre 2014

Uscirà nelle sale italiane, distribuito da Eagle Pictures, giovedì 27 novembre 2014 il film "I Vichinghi", un film di Claudio Faeh, con Tom Hopper, Ed Skrein, Ryan Kwanten, una coproduzione Svizzera, Germania, Sudafrica.
Cacciati dal proprio regno e quindi in cerca di conquiste per una nuova libertà un esiguo gruppo di vichinghi viene sbalottato da una tempesta che ne devia il percorso. Dovevano arrivare in Gran Bretagna ma naufragano in Scozia. Scoperto con il primo scontro (e il primo accento) il luogo in cui si trovano, con vichinga rassegnazione prendono atto di essere nel luogo peggiore: dietro le linee nemiche. Comincia così una lunga corsa (con un ostaggio che si rivelerà una risorsa) contro tutti per rimanere vivi e, in qualche maniera, fuggire da quella terra.
Bisogna lasciare il cervello a casa per divertirsi ma non le viscere, che vengono scosse di continuo e con sapienza, in un furioso avvicendarsi di asce ed esaltazione, tricipiti e capelli unti, scenari ampi e score esaltato dal genere che più si ciba di quella mitologia: il metal (nel film è presente anche Johan Hegg, cantante degli Amon Amarth). (dalla recensione di Gabriele Niola per il sito Mymovies.it).
Trama, Photogallery, video nel sito ufficiale del film.