mercoledì 24 giugno 2015

Francesco Sforza: l’impresa del potere

Da condottiero a principe: l’avventura di un personaggio che costruì la propria fortuna e conquistò il potere fra guerre, alleanze, tradimenti, passioni e intrighi nell’Italia del tardo Medioevo e del Rinascimento.
Un racconto dalla trama ricca e coinvolgente: è questo il programma di Francesco Sforza: l’impresa del potere, lo spettacolo di narrazione storica che si svolgerà sabato 27 giugno 2015 alle ore 21,00 a Bagnone (MS), antico borgo della Lunigiana toscana posto fra Aulla e Pontremoli.
Protagonista del racconto è il condottiero Francesco Sforza Visconti (1401-1466). Figlio illegittimo di un capitàno di ventura romagnolo, Giacomo “Muzio” Attendolo (1369-1424), intraprese giovanissimo il mestiere delle armi al fianco del padre, dal quale ereditò il nome di guerra: “Sforza”.
Abile sui campi di battaglia tanto quanto sui tavoli della diplomazia, fra il 1419 e il 1449 prestò servizio per i principali sovrani della Penisola, costruendo un complesso sistema di rapporti personali, finanziarî, militari e politici che nel 1450 lo portò a coronare l’ambizione di tutta una vita: diventare duca di Milano, potente fra i potenti dell’Italia.
Narratore di queste intriganti vicende sarà lo storico Davide Tansini, autore di varie ricerche sul periodo sforzesco e sulla storia medievale e rinascimentale. Basandosi sull’esito déi proprî studî, Tansini ricostruirà la biografia di Francesco Sforza Visconti: carattere e azioni che a distanza di quasi mezzo millennio continuano a conservare lo straordinario carisma del personaggio, divenuto un emblema del Rinascimento italiano.
Per maggiori informazioni clicca qui !

martedì 9 giugno 2015

Ravenna canta il suo Dante

«La lettura di Dante non ha tempo né stagione e ogni volta è come se Dante fosse nostro compagno», ha detto il poeta Mario Luzi, durante il conferimento della cittadinanza onoraria di Ravenna. L’intera edizione 2015 del Festival sta declinando questa considerazione; e il Sommo Poeta è per altro da sempre “compagno” di due voci ravennati che alla lettura dei versi danteschi, in italiano e non solo, hanno dedicato tanta attenzione e passione: Ivano Marescotti e Franco Costantini. Così, proseguendo nel percorso di conoscenza della musica che ha accompagnato la scrittura della Divina Commedia, il Festival propone, martedì 9 giugno 2015 alle ore 21.00, il recital “Ravenna canta il suo Dante”, nel Teatro che la città gli ha significativamente intitolato. Alla recitazione si alterneranno le musiche e le danze interpretate dall’ensemble La Rossignol specializzato nel repertorio medievale e rinascimentale.
È certo che Dante conoscesse perfettamente la musica, prima di tutto perché era inserita nel percorso formativo del quadrivium (insieme ad aritmetica, geometria e astronomia). D’altra parte nella sua opera ricorrono termini specifici e nomi di strumenti musicali (alcuni esempi: lira, arpa, cetra, cennamella, corno, organo, sampogna, tuba). Il Poeta offre un’altra importante testimonianza  della cifra del “musicale” al suo tempo. Nel secondo canto del “Purgatorio” viene inscenato l’incontro del pellegrino e di Virgilio con Casella, un musico suo contemporaneo e amico, e su richiesta di Dante stesso egli intona, come era solito fare in vita, una canzone dell’altro, “Amor che nella mente mi ragiona”. Questo passo testimonia come il termine “canzone” non sia una designazione convenzionale di un certo componimento lirico, bensì indichi un modo di concepire il fare poetico inscindibilmente legato con un’attività di tipo performativo i cui effetti sull’uditorio sono esposti nello stesso canto II del “Purgatorio”: il rapimento degli astanti davanti alle melodie di Casella che solo la dura reprimenda di Catone riesce a spezzare.

A giudicare dal consistente numero di musiche fiorentine per il  ballo pervenute (un intero codice conservato al British Museum di Londra), Dante doveva conoscere bene anche la danza; purtroppo non si hanno descrizioni delle coreografie impiegate ai tempi in cui visse il Poeta. L’ensemble “La Rossignol” propone quindi proprie ricostruzioni, oppure balli in voga nel tardo Quattordicesimo e nel primo Quindicesimo secolo, per completare l’evento. Senza alcuna pretesa esaustiva, e con l’ausilio del suono di strumenti antichi, saranno così presentate alcune fra le pagine più belle e toccanti della produzione musicale e coreutica dell’Ars nova e del primo Rinascimento italiano.
In questo contesto musicale, Ivano Marescotti e Franco Costantini leggeranno alcuni passi della “Divina Commedia” tratti da Inferno (I, III, V, XXVI, XXXIV), Purgatorio (VI),  Paradiso (XXVII) e dalla traduzione in dialetto romagnolo di Francesco Talanti (“A dila s-ceta”, Il Girasole, Ravenna, 1969).

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org
Biglietti: da 15 euro (ridotti 12) a 25 euro (ridotti 22)
‘I giovani al festival’: fino a 14 anni, 5 euro; da 14 a 18 anni, 50% tariffe ridotte

Ivano Marescotti
Viene da Bagnacavallo, dove è nato nel 1946. Attore dal 1981, si dedica al teatro lavorando, tra gli altri, con Leo De Berardinis, Carlo Cecchi, Mario Martone, Marco Martinelli, Thierry Salmon, Armand Gatti, Santagata e Morganti, Giampiero Solari, Giorgio Gallione, Sergio Fantoni, Giorgio Albertazzi. Nel 1989 incontra Silvio Soldini col film “L’aria serena dell’ovest”, e scegli di lavorare prevalentemente per il al cinema. Seguiranno una quarantina di film: da “Il muro di gomma” di Marco Risi a “Johnny Stecchino” e “Il mostro” di Roberto Benigni, ai film internazionali “Mario and the magicien” di Klaus M. Brandauer, in Germania, “Le chateau des olivier” tv-movie di Nicolas Gessner in Francia. Lavora, inoltre, con i premi Oscar Antony Minghella in “Talented Mr Ripley2, Ridey Scott in “Hannibal” e in “King Arthur” di Antoine Fuqua. Tra gli ultimi impegni cinematografici ricordiamo quello in “Che bella giornata”, con Checco Zalone. Nel 1993-94 intanto recupera il proprio dialetto, quello romagnolo e torna al teatro con i testi del grande poeta Raffaello Baldini con “Zitti tutti”, “Carta Canta”, “Furastìr” fino a scrivere, produrre e dirigere propri spettacoli come “Dante, un patàca” (2007), “Bagnacavàl”, “Il silenzio anatomico” su testo di Baldini, e “Babe-lè” spettacolo internazionale coprodotto con la Comunità Europea. Nel 2006 la Società Dantesca di Firenze gli assegna la Medaglia d’Oro per le sue letture dantesche. Nel 2004 costituisce la sua nuova Società: Patàka Srl. con la quale gestisce le proprie proposte culturali.
Nella prima edizione di Ravenna Festival ha preso parte, insieme al tenore Gregory Bonfatti, alle letture dantesche; nell’edizione del 2011 ha dato voce a “Histoire du soldat”, di cui è autore della traduzione e narrazione in dialetto romagnolo. Nel 2011 ha pubblicato per Zanichelli un cofanetto di 12 cd contenenti la lettura integrale della “Commedia” di Dante Alighieri.

Franco Costantini
Poeta, esperto di metrica, enigmista, fine dicitore: Costantini sembra avere una vocazione naturale all’eclettismo e alla “contaminazione”. Con la pubblicazione del poema “Cavallegoria”, nel 1997, ha proposto una singolare attualizzazione dell’endecasillabo, fondendo l’epico e il comico, l’arcaico e il moderno, il dotto e il volgare. Dallo stesso anno insegna metrica presso numerose scuole e istituzioni. È da sempre nella Compagnia dei Lettori di Ravenna Poesia (fondata da Maria Giovanna Maioli) e ha realizzato numerosi audiolibri poetici. Dal 2004 è direttore artistico della rassegna poetica estiva “O Musiva Musa”. Nel 2005 ha scritto e interpretato “L’arte nel sacco” per il teatro di Conselice, insieme al fotografo Giovanni Zaffagnini, al pittore scenografo Gino Pellegrini e al mimo Filippo Poppi.
Nel 2009 ha recitato a Roma, con Nancy Brilli e Valerio Massimo Manfredi, in una versione teatrale del racconto “Il sogno di Ottavia” dello stesso Manfredi; ha prodotto (insieme al compositore e musicista Luciano Titi) “L’orfica smania”, un omaggio a Dino Campana; ha pubblicato Thaleroneide, il primo poema epico ambientato in un mondo virtuale di Internet.
Nel 2013 ha realizzato “Dante’s Corner”, 150 ore di performance (a pochi metri dalla tomba dell'Alighieri) in cui interpretava all’istante qualsiasi brano dell’opera omnia dantesca. Sempre nel 2013 ha pubblicato “Totteide”, il primo poema epico dedicato a un moderno eroe dello sport; e Gianni Mura, su Repubblica, lo ha inserito per questo tra “I cento nomi dell'anno”.
Per Ravenna Festival ha preso parte a concerti del violoncellista Mauro Valli nel 2011, e nel 2014 in “Violoncello barocco e misteriosi carteggi. Dai Ricercare di Domenico Gabrielli detto “Minghein dal viulunzel” alle Suites di Bach”, interpretando testi a cura di Piero Mioli. Nell’agosto 2014, al Parco Archeologico Scolacium (Roccelletta di Borgia), è stato il Gran Conte normanno Ruggero d’Altavilla nel dramma storico “L’ultima notte di Scolacium”, nato da un’idea di Chiara Giordano e Francesco Brancatella, regia di Cristina Mazzavillani Muti, musiche di Nicola Piovani.

La Rossignol
Ensemble specializzato in musica e danza antica, è sulla scena dal 1987. Lo studio delle fonti dirette, le indagini storiche, organologiche e iconografiche, la grande attenzione all’aspetto spettacolare del proprio lavoro, hanno portato la Compagnia a un’intensa attività artistica in Italia, e in tutto il mondo (Svizzera, Francia, Germania, Israele, Tunisia, Algeria, Egitto, Russia, Grecia, India, Cina, Giappone, Romania, Cipro, Spagna, Siria, Libano, Marocco, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Malta, Turchia, Pakistan, Austria, Polonia, Brasile, Albania, Taiwan, Messico, Città del Vaticano, Australia, Kenia, Slovenia, Croazia, Svezia, Colombia, Bolivia, Paesi Bassi, Danimarca, Finlandia, Scandinavia, Kazakhistan, Venezuela, USA, Arabia Saudita) con concerti e spettacoli in prestigiosi festival e rassegne. Chiamato a far parte del Conseil International de la Danse (CID), ha all’attivo collaborazioni con Rai, Mediaset, TSI e con il cinema (“Il mestiere delle armi” di Ermanno Olmi e “Romeo & Juliet” di Carlo Carlei), consulenze e direzioni artistiche, corsi di formazione e aggiornamento docenti e la realizzazione di musiche per spettacoli teatrali. Ha inciso oltre 20 cd dedicati alla musica antica.
La Rossignol è composto da Simona Pasquali, Erika Gansi, Clizia Baronio, Francesco Piccinelli, Emanuele Tira (danza), Roberto Quintarelli (contraltista, danza), Erica Scherl (vielle), Matteo Pagliari flauti (diritti, traversa,  cornamuse), Lucio Testi (bombarde, ciaramella), Fedele Stucchi (trombone a tiro rinascimentale), Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda), Domenico Baronio (liuto, percussioni).

sabato 6 giugno 2015

Trastevere: da San Francesco a Cola di Rienzo. Visita con teatro itinerante

A Trastevere, affascinante cuore medievale di Roma, ritornano in vita tutti i protagonisti della storia che, dal 1100 al 1300 hanno caratterizzato l'Italia. Un periodo storico che guida e attori faranno rivivere intensamente tra i vicoli e gli angoli più suggestivi di Trastevere. Riappariranno Dante Alighieri, San Francesco, Innocenzo III, Bonifacio VIII, Sciarra Colonna, Cola di Rienzo e anche il grande assente a Roma ovvero il re Federico II. Grandi personaggi e storie straordinarie che si avvicenderanno rendendo sempre più unico il mondo originale delle visite guidate con teatro itinerante dove vi facciamo conoscere la storia e i suoi personaggi in carne ed ossa scegliendo questa volta una cornice unica nel suo genere: Trastevere. 
Visite condotte dal dott. Andrea Papalini 
Attori protagonisti: Valerio di Benedetto e Luca Basile
Le visite si terranno sabato 13, sabato 20 e sabato 27 giugno 2015.
Tutte le informazioni e le modalità di prenotazione nel sito I Viaggi di Adriano.

venerdì 5 giugno 2015

La Porta del Tempo, VI edizione al Museo Diocesano di Genova

Sabato 6 giugno 2015 alle ore 15.00; 17.00 e 21.00, Domenica 7 giugno 2015 alle ore 15.00 e 17.00.
Spettacolo itinerante e visita guidata insieme: le sale e il chiostro medievale del Museo Diocesano di Genova si animano di personaggi antichi che narrano le loro vicende. Ecco dunque alcune simpatiche monache del Quattrocento che discutono su come organizzare il grande pranzo di Pasqua dei Canonici di San Lorenzo, oppure una donna d’epoca romana che racconta di un convivio del suo tempo, o ancora la narrazione piuttosto movimentata di una sorta di galateo a tavola del Trecento (scritto realmente da un poeta del tempo) intitolato “Cinquanta cortesie da tavola”.
A cura di Arti&Mestieri e Ianua temporis. Regia di Fabrizio Giacomazzi. Direzione artistica Tiziana Ciresola. Visite guidate di Laura Albertella, Ilaria Brigati, Valentina Fusco. Costumi Gabriella Lussana. Elementi scenografici e materiale di scena a cura di Elisa Lauricella. Con Bianca Alloisio, Daniele Cinti, Tiziana Ciresola, Francesca Cristini, Claudio De Domenico, Armida Di Garbo, Gabriella Lussana, Silvia Foppiani, Alessandra Lusso, Daniela Marella, Laura Pezzoli, Sara Romani, Michele Serafica, Yuri Zanelli. Con la partecipazione dell’Associazione Storica San Giorgio.
Biglietto intero: € 10,00 – Biglietto ridotto (ragazzi e Card Cittadino): € 7,00 – Gratuito sotto i 4 anni. E’ attivo il servizio di prevendita gratuita.

sabato 9 maggio 2015

La "Rovenza incantata" in scena a Catania

Rinaldo uccide Dama Rovenza
Domenica 10 maggio 2015 alle ore 16:30 e 18:30, nell'ambito della Rassegna di Opera dei Pupi di scuola catanese 2015 a cura dei Pupi dei Fratelli Napoli, presso il Centro Commerciale Porte di Catania Stradale Gelso Bianco (CT), va in scena LA ROVENZA INCANTATA.
Copione elaborato da Alessandro e Fiorenzo Napoli secondo gli antichi canovacci di tradizione.
INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
Info: 347/0954526;   347/3034600;   095/7513076
Dopo la fabbricazione del castello di Montalbano, Dama Rovenza di Soria assedia Parigi per vendicare Mambrino, ucciso da Rinaldo. Rovenza, armata di un temibile martello, è stata inoltre resa invulnerabile dal mago Tuttofuoco. Il negromante Malagigi, cugino e aiutante magico di Rinaldo, dopo una memorabile sfida infernale e grazie all’intervento dell’Onnipotente, trionfa su Tuttofuoco. Rinaldo, nonostante le trame di Gano di Magonza, giunge sotto Parigi ed affronta Rovenza, che è riuscita a stordire perfino Orlando. Malagigi rivela a Rinaldo l’unico punto vulnerabile della saracena e lo scaltro paladino riesce con uno stratagemma ad ucciderla e a salvare Parigi.  La storia di Dama Rovenza dal Martello risale a un anonimo cantare del sec. XV e confluì poi nella Storia dei Paladini di Francia di Giusto Lodico, compilazione ottocentesca che da sempre è la fonte letteraria principale di tutti i pupari. L’episodio di Rovenza offre un utile esempio per considerare i rapporti che legano o contrappongono i principali protagonisti della Storia dei Paladini di Francia e rivela altresì il sistema di valori condiviso dal pubblico tradizionale dell’Opera dei Pupi. Nel corso dello spettacolo si avrà modo infatti di conoscere la scaltrezza del donnaiolo Rinaldo, la serietà di Orlando, l’ardore guerriero di Bradamante, la generosa abnegazione di Malagigi, contrapposti al nemico saraceno, ma più ancora all’infame slealtà di Gano di Magonza.
Le serate di Rovenza erano inoltre un importantissimo banco di prova per le parlatrici catanesi e offrivano ai pupari etnei l’occasione di escogitare sempre nuove scenotecniche. Per far riassaporare tutto questo, la Marionettistica dei Fratelli Napoli ripropone oggi quest’episodio ad un pubblico contemporaneo.

giovedì 30 aprile 2015

"Ego Magister Petrus de Ebulo" in scena a Eboli (SA)

Sabato 2 maggio 2015 al Teatro Italia di Eboli (SA) va in scena la storia di Pietro da Eboli. "Ego Magister Petrus de Ebulo" è il titolo dello spettacolo scritto da Christian Di Biase. Lo spettacolo, dedicato alla figura di Pietro da Eboli, poeta medievale vicino alla corte sveva dell'imperatore Enrico VI, sarà portato in scena dalla Compagnia di Teatro del Bianconiglio, per la regia di Bruno Di Donato: si tratta di un dramma storico in due atti, liberamente ispirato al "Liber ad honorem Augusti" dello stesso Pietro da Eboli, la cui scenografia sarà curata da Anonimo Corporale, con le musiche di Luigi Nobile, mentre responsabile della fotografia e della grafica Effeunoquattro, Ufficio Stampa a cura di Mariapia Mercurio e media partner dell'evento weboli.it portale turistico culturale della Città di Eboli.
Inizio ore 20.30 - INGRESSO GRATUITO.